Pittura erotica 
L'OCCHIO INDISCRETO IV: I BAGNI PUBBLICI 
 
I bagni pubblici furono molto amati dagli antichi romani e loro, li considerarono luoghi adatti per rilassarsi, discutere di politica e anche naturalmente, per organizzare congiure.  
Aboliti in Europa durante il Medioevo dalla morale cristiana, di questi posti si possono ritrovare segni nei quadri dei pittori francesi del Cinquecento, usciti dalla scuola di Fontainbleau (vedi articolo: Fontaibleau, la scuola degli anonimi).  
Nell'antica Roma vi erano bagni pubblici anche per il popolo, ma se dal XVI secolo si vedranno dipinti in quadri dei bagni, appare chiaro che si tratta di ritrovi per classi privilegiate. Fino al Novecento infatti, né la letteratura né la pittura, ci parlano mai di raggruppamenti del genere tra la gente comune. Nell'Ottocento vi furono molte raffigurazioni artistiche in cui si possono ammirare tali bagni, ma si riferiscono sempre a luoghi orientali con odalische come protagoniste. 
In  Giappone è tradizione da sempre recarsi a fare il bagno in un luogo pubblico (separati tra maschi e femmine) e i dipinti di Kiyonaga (vedi articolo: Ukiyoe) che abbondano di queste immagini, ce ne danno ampia prova. Molto famosi sono anche i bagni turchi, dipinti in più occasioni da Ingres e da Gerome. 
 
(FAGR 7-7-11) 
Scuola di Fontainbleau 
 
 
Sir Lawrence Alma-Tadema (1836-1912) 
 
 
Jean Auguste Dominique Ingres (1780-1867) 
 
 
Jean-Leon Gerome (1824-1904) 
 
 
 
 
 
 
Torii Kiyonaga (1752-1815) 
 
 
Girolamo Macchietti (1535 ca.-1592) 
 
 
 
 
 
 
(I testi presenti in questo sito sono di proprietà dell'autore come stabilisce la legge n.248 del 2000, che dichiara che tutti i testi pubblicati su internet sono automaticamente ricoperti dal diritto d'autore; pertanto è vietato copiare, riprodurre, pubblicare (anche su altri formati e supporti), qualsiasi parte del sito senza il consenso della Falsi d'Autore Giulio Romano, che ne detiene i diritti.) 
 
(Le immagini presenti su questo sito (a parte quelle dei dipinti riprodotti a mano olio su tavola o tela  dalla Falsi d'Autore Giulio Romano) sono state prese da altri siti web che le avevano liberamente pubblicate come bene culturale ed esenti quindi dal diritto d'autore, perchè di artisti morti da più di 70 anni.)